IL PAESAGGIO DI SAPPADA

"... se un pittore potesse colorire al naturale questo paesaggio con quelle vette che a guisa di torrioni piramidali gli si innalzano intorno, colle case che sembrano cataste di travi sorgenti dai prati... lo si direbbe una fantasia."

(Angelo Arboit, Memorie della Carnia, 1871)

 

Photogallery Request info
up

LA STORIA E LA LINGUA

Una fantasia, un luogo unico, anche se ha due nomi (Sappada-Plodn) e quindici borgate. Non è Cadore, non è Carnia, anche se ha qualcosa dell'uno e dell'altra; per non far torto a nessuno, il dialetto è quello degli avi, un tedesco medievale tramandato nei secoli che fa di Sappada un'isola linguistica, orgogliosa delle sue tradizioni e della sua storia.

 

Photogallery Request info
down
Privacy Policy